sponsor e sostenitori fondazione collegio san carlo fondazione cassa di risparmio di modena comune di modena comune di carpi comune di sassuolo provincia di modena regione emilia romagna caramica viva fondazione cassa di risparmio di carpi

festivalfilosofia sapere;2008

en


salastampa

Roberto Alessandrini
salastampa@fondazionesancarlo.it

La Sala Stampa del festivalfilosofia si trova al primo piano della Fondazione Collegio San Carlo, in via San Carlo 5 a Modena. È aperta dalle ore 9 di venerdì 14 settembre alle ore 20 di domenica 16 settembre. Nei giorni che precedono e seguono il Festival, l'Ufficio stampa risponde ai numeri 059 2032996-2032774 e all'indirizzo di posta elettronica salastampa@fondazionesancarlo.it


accrediti

Per richiedere l'accredito alla sala stampa è sufficiente inviare all'indirizzo di posta elettronica salastampa@fondazionesancarlo.it una richiesta con nome, cognome, testata, indirizzo e telefono della testata, indirizzo al quale si desidera ricevere corrispondenza (se diverso da quello della redazione), telefono (se diverso da quello della redazione) e indirizzo di posta elettronica. La conferma dell'accredito avverrà per posta elettronica.




VECCHI LIBRI IN CAMBIO DI OFFERTE PER LA BIBLIOTECA DEL TUCUL

Installazione al Palazzo dei Musei di Modena. Il pubblico potrà scegliere tra volumi scartati e contribuire a progetti di solidarietà in Brasile ed Etiopia

Migliaia di libri appartenuti per decenni alla biblioteca San Carlo di Modena, specializzata in filosofia e scienze umane, sociali e religiose, costituiranno, assieme a materiali edili, l'installazione “Bibliodinamica”, progettata dall'artista Clara Matelli in collaborazione con Paolo Cesaretti, per la campata centrale dell'atrio del Palazzo dei Musei di Modena,
I volumi, scartati perché invecchiati, doppi, ricevuti in omaggio o semplicemente non pertinenti alle materie in cui la biblioteca è specializzata, potranno essere presi dal pubblico del Festival in cambio di un libero contributo destinato a sostenere biblioteche in aree svantaggiate, come Nuova Iguaçu di Rio de Janeiro (Brasile) e la biblioteca "Lorenzina Lotti", realizzata in un tucul a Shallalà (Etiopia), grazie alla mediazione dell'Associazione italiana biblioteche e dell'Associazione Modena per gli altri.
Togliendo progressivamente libri, i visitatori diverranno parte attiva dell'installazione, che si attuerà - come un mandala tibetano – proprio nel suo disfarsi: alla fine, i materiali edili torneranno nei cantieri e i fondi raccolti genereranno altri libri, senza produrre scarto.
Un supporto cartaceo con il nome ed eventuali messaggi dei visitatori entrerà a far parte degli archivi della Fondazione San Carlo.

(11/09/2008)