sponsor e sostenitori fondazione collegio san carlo fondazione cassa di risparmio di modena comune di modena comune di carpi comune di sassuolo provincia di modena regione emilia romagna caramica viva fondazione cassa di risparmio di carpi

festivalfilosofia sapere;2008

en


salastampa

Roberto Alessandrini
salastampa@fondazionesancarlo.it

La Sala Stampa del festivalfilosofia si trova al primo piano della Fondazione Collegio San Carlo, in via San Carlo 5 a Modena. È aperta dalle ore 9 di venerdì 14 settembre alle ore 20 di domenica 16 settembre. Nei giorni che precedono e seguono il Festival, l'Ufficio stampa risponde ai numeri 059 2032996-2032774 e all'indirizzo di posta elettronica salastampa@fondazionesancarlo.it


accrediti

Per richiedere l'accredito alla sala stampa è sufficiente inviare all'indirizzo di posta elettronica salastampa@fondazionesancarlo.it una richiesta con nome, cognome, testata, indirizzo e telefono della testata, indirizzo al quale si desidera ricevere corrispondenza (se diverso da quello della redazione), telefono (se diverso da quello della redazione) e indirizzo di posta elettronica. La conferma dell'accredito avverrà per posta elettronica.




ARTE, MOSTRE IN DIECI GALLERIE DI MODENA

Le proposte per il Festival di artisti italiani, americani, croati e spagnoli

Attraverso le opere di artisti italiani, americani, croati e spagnoli, dieci gallerie d'arte di Modena partecipano all'ottava edizione del Festival filosofia sulla fantasia.

Omnis Grace_temporary galley E35 propone, a cura di Valerio Borgonuovo, la mostra fotografica e videoinstallazione “Io mi annoio” di Marco Scozzaro, diario privato per immagini di un ragazzo qualunque. L'urgenza di fissare la quotidianità nella sua contingenza contraddistingue quest'opera intima e romantica con cui l'autore ritrae il proprio tempo e la propria dimensione relazionale, tra ironia e disillusione.

La galleria Betta Frigieri Arte Contemporanea, a cura di Luca Panaro, espone per la prima volta in Italia la serie fotografica “True Fiction”, iniziata nel 1986 e completata nel 2004, dell'artista americana Sandy Skoglund. Le immagini mostrano ambienti domestici o urbani, animati da amici e conoscenti dell'artista, rielaborate sfruttando le moderne tecnologie di stampa, capaci di restituire un ritratto realistico e al tempo stesso surreale dell'America sul finire degli anni Ottanta.

Il pittore, grafico e scultore croato Svjetlan Junakoviae espone alla galleria Canalgrande 18, a cura di Claudia Sonego, “Ritratti famosi di animali comuni”. Si tratta di iconografie molto note di personaggi d'altri tempi, realizzate dalla mano di pittori celebri, fonte di ispirazione e modello per composizioni insolite e improbabili. Le immagini risultano irriverenti e argute, divertenti per lo sguardo degli appassionati d'arte e per quello dei semplici curiosi.

Lo spagnolo Eduardo Arroyo propone alla galleria Punto arte “Fantomas e altre storie dipinte”: alcune vecchie tele già dipinte sono state sigillate dall'artista con una mascherina da Fantomas, una mascherina inevitabilmente retro, ma molto attuale, adatta ad un mondo nomadico, trasformista e travestitista.

Il milanese Giorgio Barrera propone alla Galleria 42 contemporaneo una mostra fotografica prodotta espressamente per il Festival filosofia, esposizione di ritratti familiari in cui l'artista si pone al confine tra realtà documentaria e finzione narrativa facendo entrare in gioco la fantasia dello spettatore.

Lucietta Righetti, Nicoletta Moncalieri, Giovanni Valbonesi, Stefano Grasselli e Marcela Barros propongono alla galleria Spazio Fisico “Fantasia come progetto”, dedicato al rapporto tra la creatività e il fare, mentre comics e inediti disegni fantastici del Gruppo Canicola, nato a Bologna nel 2004, vengono proposti alla Galleria D406 nella mostra “Pasta di sale”. Il risultato è un immaginifico miscuglio di robot, giganteschi mosconi, spogliarelliste, lapislazzuli, invasioni di extraterrestri e luna park.

Vanni Cuoghi, Daniele Girardi e Casey Ruble espongono alla galleria San Salvatore nella mostra “Mille e un mondo”, che si propone di condurre il pubblico in un viaggio immaginifico attraverso il fumetto e l'illustrazione che risulterà al tempo stesso spudorato e fiabesco, delicato e potente, naturalistico e allucinato.

L'artista bolognese Adriano Persiani espone alla galleria Studio Vetusta, a cura di Patrizia Silingardi e Matteo Serri, nella mostra “Paraître (la rêverie)”, mostra di oggetti concepiti per intero dal lavoro onirico inconscio, di cui conservano il carattere instabile e aleatorio, favorendo i tracciati  evocativi e inquieti della fantasticheria.

Il musicista Gennaro Rino Becchimanzi e l'artista Paola Setti, con lo pseudonimo di Nervo&Tes propongono all'Open space Arx, a cura di Francesca Baldoni e Stefano Taddei, la videoinstallazione “Like a bag”, legata all'idea di borsa-feticcio come bagaglio interiore della donna, che sarà realizzata anche come performance: una donna (l'artista) verrà sommersa dall'identità iconografica di altre donne (le passanti) che le getteranno addosso la propria borsa.


 


(11/09/2008)