sponsor e sostenitori fondazione collegio san carlo fondazione cassa di risparmio di modena comune di modena comune di carpi comune di sassuolo provincia di modena regione emilia romagna caramica viva fondazione cassa di risparmio di carpi

festivalfilosofia sapere;2008

en


salastampa

Roberto Alessandrini
salastampa@fondazionesancarlo.it

La Sala Stampa del festivalfilosofia si trova al primo piano della Fondazione Collegio San Carlo, in via San Carlo 5 a Modena. È aperta dalle ore 9 di venerdì 14 settembre alle ore 20 di domenica 16 settembre. Nei giorni che precedono e seguono il Festival, l'Ufficio stampa risponde ai numeri 059 2032996-2032774 e all'indirizzo di posta elettronica salastampa@fondazionesancarlo.it


accrediti

Per richiedere l'accredito alla sala stampa è sufficiente inviare all'indirizzo di posta elettronica salastampa@fondazionesancarlo.it una richiesta con nome, cognome, testata, indirizzo e telefono della testata, indirizzo al quale si desidera ricevere corrispondenza (se diverso da quello della redazione), telefono (se diverso da quello della redazione) e indirizzo di posta elettronica. La conferma dell'accredito avverrà per posta elettronica.




LEZIONI MAGISTRALI, SI PARLA DI FUTURO, ARTE E NEURONI

Nelle piazze e nelle chiese del Festival filosofia si riflette sulla scienza, le utopie, la creazione, le figure della fantasia e la teoria dell'immagine

Tra l'”archivio dei sensi” e il “teatro della ragione” esiste una potenza intermedia che consente all'uomo, “divino camaleonte” - secondo la definizione di Gian Francesco Pico della Mirandola - di proiettarsi nel futuro, inventare il nuovo e costruire miti collettivi. E' la fantasia, potenza evocatrice e creatrice, capace di anticipare ciò che ancora non si vede, di rivaleggiare con la natura nella creazione di cose artificiali e mondi di finzione, di immaginare l'inimmaginabile.
Sarà questo il filo conduttore delle lezioni magistrali dell'ottavo Festival filosofia, in programma a Modena, Carpi e Sassuolo dal 19 al 21 settembre. Nelle piazze e nelle chiese delle tre città, grandi maestri del pensiero contemporaneo si confronteranno con il pubblico su alcuni grandi temi che spaziano dai neuroni a specchio alle grandi utopie collettive, dall'architettura come luogo dell'immaginazione sociale alle ragioni di chi rifiuta le figure fino alla immaginaria fondazione celtica della Padania. Ma anche dal jazz al cinema, dalla letteratura alla moda maschile, dalla profezia alla qabbalah.
Uno spazio di riflessione riguarderà la scienza. Isabelle Stenger, collaboratrice del premio Nobel per la chimica Ilya Prigogine, spiegherà come il laboratorio dello scienziato non sia una fabbrica di verità universali, ma un'avventura dell'immaginazione creatrice. Giacomo Rizzolatti, il neurologo che ha scoperto i neuroni a specchio, racconterà invece come funziona il “teatro” della mente umana e come gli aspetti sociali e quelli individuali si “rispecchino”. Rispetto al modello classico delle scienze cognitive, basato sulle percezioni e sul “vedere”, i neuroni a specchio insegnano, infatti, che alla base dell'apprendimento c'è il sistema motorio, le azioni, anzi le “simulazioni”. All'interazione tra immagine visiva e dimensione uditiva sarà dedicata la lezione di Ruggero Pierantoni, studioso della struttura cognitiva della percezione, mentre Aldo Gargani mostrerà in una singolare lezione-concerto la contaminazione novecentesca dei codici della fisica, delle arti e della filosofia.
Remo Bodei, supervisore scientifico del Festival, farà il punto sul concetto di avvenire parlando delle utopie otto e novecentesche che hanno alimentato grandi speranze collettive, mentre Giacomo Marramao spiegherà la difficoltà contemporanea di immaginare un futuro ormai “colonizzato” dalla globalizzazione e Roberto Esposito proporrà di considerare “l'impersonale”, spazio neutro e inclusivo che rinvia all'originaria unità del vivente, come luogo di possibile innovazione sociale. All'utopia dell'uomo civico, che ha cura attiva dei beni comuni e degli spazi pubblici, sarà dedicata la riflessione di Franco Cassano, mentre Marc Augé parlerà dell'architettura come luogo dell'immaginazione sociale e della costruzione dell'avvenire. L'impegno a pensare la vita altrimenti sarà anche il cuore della testimonianza di Enzo Bianchi, priore della comunità di Bose, sulla vita monastica come profezia, mentre Silvia Vegetti Finzi metterà in risalto la proiezione inconscia e immaginativa che accompagna l'attesa della maternità.
Sulla linea tematica dell'invenzione, Paolo Virno sottolineerà il ruolo delle risorse logico-linguistiche negli “stati d'eccezione” che rendono possibile la variazione inattesa e lo scarto imprevisto della condotta umana. Allo stupore dell'evento come fatto inventivo che si stacca dalla catena del rapporto tra causa ed effetto sarà dedicata la lezione di Sergio Givone, mentre all'improvvisazione come pratica culturale, esemplificata nelle variazioni del jazz, sarà dedicata la lezione di Davide Sparti.
Un importante capitolo del Festival sarà riservato al rapporto tra verità e finzione, realtà e artificio. Ragionando sulla differenza tra imitare e copiare, Salvatore Natoli farà emergere come l'uomo, per non naufragare nelle apparenze, debba “inventare” verità e “costruire” immagini di realtà, mentre Maurizio Ferraris mostrerà il ruolo della memoria in questa edificazione tutta umana e Michel Maffesoli affronterà il ritorno del fantastico nel nostro tempo attraverso l'analisi di “second life” e di icone come Harry Potter. Luigi Montani rifletterà sulla narrazione cinematografica, con la sua originale connessione tra fatti e finzioni, e Omar Calabrese sull'imitazione immaginativa che fonda la moda e in particolare l'eleganza maschile.
Ancora al funzionamento della potenza immaginativa saranno orientati – dopo il quadro fornito in apertura del festival da Enrico Berti e Leonardo Amoroso sulle concezioni di Aristotele e di Vico - gli interventi di Carlo Sini, attento alla soglia mobile che lega la fantasia alla voce e all'oralità, di Ermanno Bencivenga, che ne sottolineerà le “regole” e la connessione con l'attività razionale, e di Christoph Wulf, che mostrerà il fondamento antropologico dell'immaginazione, radicato nelle azioni e nei rituali sociali. Su questa scia, Marcel Detienne, il grande studioso francese del mito greco, prenderà in esame gli utilizzi del mito in chiave comunitaria (compreso quello della nazione e l'immaginaria fondazione celtica della Padania) e, infine, il fondamento “terreno” della fantasia sarà sottoposto alla serrata indagine di Emanuele Severino.
Ampio anche il capitolo che riguarda la teoria e la fondazione dell'immagine. Maria Bettetini spiegherà le ragioni dell'aniconismo ebraico, islamico e protestante, Giulio Busi illustrerà l'idea del “Dio disegnatore” e della nascita del mondo come opera d'arte secondo la tradizione qabbalistica ebraica, Hans Belting ripercorrerà in chiave antropologica la storia dell'ombra dalla Commedia di Dante fino all'arte contemporanea, Georges Didi-Huberman affronterà il rapporto dell'immagine col “montaggio”, attraverso il quale il mondo viene a un tempo mostrato e deformato, e Jean-Luc Nancy prenderà in esame il rapporto e la distanza tra fantasia moderna e immaginazione contemporanea. Infine, Umberto Galimberti esaminerà il rapporto tra creatività e follia come sintomo della lacerazione che segna la condizione umana, mentre Roberta de Monticelli affronterà lo smarrimento dell'artista e il ruolo della fantasia nella costituzione della persona.
All'importanza dell'immaginazione, e soprattutto dell'immaginazione letteraria, per la vita morale sarà riservata la lezione di Stanley Cavell, tra i maggiori filosofi analitici viventi, mentre sull'utilità della letteratura per comprendere i processi sociali interverrà Gabriella Turnaturi e Domenico De Masi analizzerà la dimensione creativa delle organizzazioni e delle attività umane interrogando i modelli più influenti che – al di qua e al di là dell'Oceano – hanno presieduto alla produzione di idee originali e di beni in serie.
Il ruolo di critico dell'immaginazione, nozione ambivalente che apre una possibilità universale di comprensione dell'altro, ma concede anche ai “possessori” dell'immaginario un vantaggio cognitivo e politico sulle altre culture, sarà riservato a Terry Eagleton, il più popolare e brillante critico letterario inglese.

(11/09/2008)